Un’organizzazione
agile è dinamica,
resiliente,
performante

Un’organizzazione agile è dinamica, resiliente, performante

Viviamo in un mondo caratterizzato da incertezza, ambiguità e velocità. Allo stesso tempo, molte organizzazioni sono alla ricerca di senso, orientamento ed efficacia nel lavoro. La trasformazione del mondo del lavoro tocca diverse dimensioni in modo profondo. Non solo grazie alla digitalizzazione. Questa spinta promuove nuovi valori, nuove strutture e pratiche, nuovi modelli organizzativi.

La ricerca di senso, la possibilità di co-creare e la conciliazione tra lavoro e vita privata stanno diventando sempre più importanti, mentre la cultura aziendale diventa agile, adattiva e resiliente. Le organizzazioni sono alla ricerca di collaboratori che si percepiscono come risolutori di problemi per le future sfide della società intera. 

Agilità e auto-organizzazione

Oggi molte aziende si trovano ad affrontare una questione cruciale: come sviluppare il proprio team o la propria organizzazione verso l’auto-organizzazione? E cioè verso strutture agili e flessibili che rispondano alle esigenze dei tempi? Il vantaggio competitivo più importante è la collaborazione in team. Aumenta la creatività, l’innovazione, la motivazione e la produttività. I collaboratori si identificano con l’azienda e sviluppano un senso di appartenenza. L’auto-organizzazione è un processo di trasformazione. Un viaggio che richiede una nuova mentalità, una nuova cultura e un nuovo sistema operativo. La tua organizzazione può intraprendere questo viaggio affascinante! Con gli approcci giusti: facilitazione, coaching, sviluppo organizzativo e formazione.

Leadership collegiale
& Organizzazione agile

Sempre più spesso le organizzazioni sperimentano l’utilizzo di format agili per rendere il lavoro più flessibile, auto-organizzato e aperto. I metodi, i processi e i ruoli agili contribuiscono a promuovere una collaborazione flessibile e auto-organizzata a livello di team. Un’azienda nel suo complesso è più difficile da agilizzare rispetto ai singoli team. Nelle organizzazioni ibride (gerarchiche e agili) coesistono due modalità di lavoro, ciascuna con la propria logica di pensiero e di azione. Il compito della leadership è quello di conoscere e mettere in pratica entrambe nel modo giusto e di stabilire le modalità appropriate. Un’organizzazione che sceglie di implementare i principi dell’agilità potrà constatare in breve tempo il miglioramento, il team sarà più adattivo, cooperativo, efficace.
I cambiamenti avvengono gradualmente e secondo regole chiare, con l’obiettivo di declinare il mindset agile in processi e pratiche concrete.

La “Leadership collegiale” secondo Bernd Oestereich e Claudia Schröder è un modello di trasformazione verso un’organizzazione agile. È una base sulla quale poter progettare, un percorso per avviare un processo partecipato e sviluppare insieme ai team format e pratiche adatte al contesto. Vivere la leadership diventa una dimensione naturale nel lavoro di ogni collaboratore. È un nuovo modo di intendere e praticare la leadership, non legata a figure o posizioni, bensì a ruoli definiti in team. Un modello che si sta dimostrando semplice, chiaro, strutturato e flessibile allo stesso tempo e proprio per questo interessante per organizzazioni di ogni tipo. La leadership collegiale può consentire alle organizzazioni tradizionali di trasformarsi in un’ottica agile e partecipata. In un primo workshop è possibile creare un common ground, un linguaggio comune, per comprendere il senso della trasformazione agile. E mettere a fuoco il perché, il cosa, il come. La leadership collegiale crea un processo di miglioramento continuo e un processo di leadership dinamico e trasparente.
Le persone coinvolte sviluppano un mindset collaborativo, le tensioni vengono risolte più rapidamente e il lavoro in team diventa efficace.

Economia rigenerativa

A differenza di ciò che è sostenibile, l’approccio rigenerativo in economia implica restituire attivamente risorse al pianeta per neutralizzare l’impatto ambientale complessivo dell’attività aziendale.

L’approccio rigenerativo è utile da due punti di vista: innanzitutto per l’azienda stessa, che risparmia costi utilizzando energie sostenibili o valorizzando sottoprodotti. In secondo luogo, ne beneficia l’ambiente e, di conseguenza, l’umanità. Attualmente si ritiene che l’approccio rigenerativo riduca i costi complessivi di dieci volte, se confrontato con i costi necessari per ripristinare gli ecosistemi danneggiati.

La strada migliore passa attraverso circuiti circolari con merci locali e percorsi di trasporto brevi. Oltre a un vantaggio competitivo nella commercializzazione, le aziende che operano in modo rigenerativo potrebbero beneficiare anche dal fatto che i collaboratori si identificano sempre più con i valori che l’azienda promuove e per i quali agisce. Ciò crea un legame con le persone e favorisce un buon clima lavorativo, poiché esiste un significato più ampio nel lavorare per l’azienda.

I leader rigenerativi hanno compreso che fanno parte di un sistema più ampio e connesso e, se vogliono avere successo, devono assicurarsi di dare più che prendere. Le aziende rigenerative sono spesso auto-organizzate e sfruttano la creatività, l’innovazione e l’ingegnosità che si nascondono nelle gerarchie tradizionali.

Inoltre, questo tipo di aziende si concentrano su come le loro azioni possano contribuire alla rigenerazione dell’ambiente esterno. Si tratta di abbandonare vie battute e sperimentare nuove modalità di agire. Chi attua questo principio è disposto a esplorare nuovi orizzonti, sperimentare, fallire, testare e provare. Ha un sistema di valori comune e questo significa essere parte di qualcosa di più grande.

Un esempio di paradigma rigenerativo è l’Economia del Bene Comune (EBC). Si tratta di un modello economico che pone il bene comune come obiettivo e scopo primario. Al centro di questo concetto c’è l’idea che le aziende si orientano a quattro valori: dignità umana, solidarietà e giustizia, sostenibilità ecologica, trasparenza e co-decisione.

Redigere un Bilancio del Bene Comune consente a un’azienda di effettuare una verifica dei propri valori. Un’organizzazione può creare un’immagine di dove si trova nel proprio percorso di sviluppo evolutivo. La redazione del Bilancio è l’inizio di un processo continuo di sviluppo orientato ai valori.

Per ulteriori informazioni sul modello, sul Bilancio, sulla facilitazione del processo evolutivo, rimango a disposizione.

Scopri gli altri servizi:

facilitazione

training

team coaching

facilitazione

training

team coaching

Domande, richieste, curiosità?