Best Economy Forum: ein Manifest für eine neue Wirtschaft

Best Economy Forum: ein Manifest für eine neue Wirtschaft

Serve un’economia globale che si assuma la responsabilità nei confronti delle generazioni future, che produca nel rispetto dell’ambiente e delle persone. E’ questo il messaggio lanciato dagli oltre 200 partecipanti al primo “Best Economy Forum”, che si è tenuto all’Eurac di Bolzano, dal 9 all’11 aprile, organizzato da Bioland, Bio Hotels e Economia del Bene Comune. Tra loro imprenditori, scienziati, politici, studenti e persone interessate si sono incontrati per uno scambio di idee e proposte concrete per un’economia più sostenibile, etica, responsabile. 

Nelle tre giornate i partecipanti si sono scambiati esperienze, best practice, conoscenze, informazioni e insieme hanno redatto un Manifesto per il futuro, una visione comune per un’economia sostenibile nel 2030, che sarà riesaminata e ulteriormente sviluppata negli anni successivi. Sono stati coinvolti anche giovani imprenditori che hanno presentato soluzioni per un’economia sostenibile di domani. 

Il Best Economy Forum, che si terrà nel 2021, ha voluto sensibilizzare l’opinione pubblica, la società, la politica, l’economia e i media, invitando personalità di rilievo che si impegnano per una società, una politica e un’economia orientate al futuro e sono disposte a condividere le loro conoscenze. Tra di loro Auma Obama, impegnata in Africa in diversi progetti, e Vandana Shiva, l’attivista indiana che lotta per i diritti umani, la sovranità alimentare, un’economia rispettosa. Shiva ha detto di come il movimento ecologico globale possa essere collegato ad una strategia orientata all’economia e di come si possano rafforzare valori come una crescita sana, l’equità e la cooperazione nei circuiti locali.

Diverse le testimonianze: quella di Martina Joseph, che ha parlato delle strategie di marketing per gli USA della storica azienda di cosmetici biologici Dr. Hauschka, quella di Christian Felber, promotore dell’Economia del Bene Comune, sull’intreccio tra politica e affari, l’intervento dell’attivista #fridaysforfuture Ramona Wüst e l’appello del presidente di Bioland Jan Plagges sul progetto „Ethical Management“. 

L’Agenda 2030 è stata adottata da tutti gli Stati membri in occasione di un vertice delle Nazioni Unite nel settembre 2015. L’Agenda crea le basi per realizzare il progresso economico globale in armonia con la giustizia sociale e nel quadro dei limiti ecologici della Terra. L’Agenda 2030 si applica a tutti i paesi del mondo. Paesi in via di sviluppo, economie emergenti e paesi industrializzati: Ognuno deve dare il proprio contributo. Al centro dell’Agenda 2030 vi è un’ambiziosa serie di 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG).

Info: www.besteconomyforum.org